Per chi non lo sapesse, la Verro Cup è di fatto un Taikai regionale fra tutti i dojo di Kendo, per lo più sotto l’egida del M° Stefano Verrina. Giunto alla terza edizione, nasce con l’obiettivo di mettere in gioco il miglior kendo della regione in vista anche dei Campionati italiani, come il Taikai di Iaido dell’Emilia Romagna. Bologna, Modena, Reggio Emilia, Ferrara  si sono incontrati per una giornata di keiko, shiai ed amicizia, onorando questo evento che prende il nome…beh non c’è bisogno di spiegare!

E la Verro Cup non sarebbe tale se le “coppe” non fossero degne, per cui le squadre da 3 che si hanno partecipato alla gara si sono contese il primo, secondo e terzo posto non certo per una sterile ed inutile medaglia, ma per il salame più grosso! Fighting spirit, una mortadella. Ogni dojo contava almeno due/tre squadre, Modena addirittura quattro.

Prima classificata Modena, seguita da Bologna, mentre il terzo posto è andato a un’altra squadra di Modena e Ferrara. Il fighting spirit a Raffaella Albino (Modena).

La squadra del Musokan Kendo club classificata era formata da Gardin, Zioutas e Galli. Bravi ragazzi!

In generale mi sento di poter dire questo riguardo ai nostri atleti: chi doveva fare ippon ha fatto ippon, chi era alla prima esperienza ovviamente non ha fatto ippon. Ma è proprio questi ultimi, tendenzialmente i Kyusha, che mi sono piaciuti, perchè hanno combattuto bene e si sono comportati con spirito e decisione in questa loro prima esperienza. E’ ovvio che se il tuo avversario è un sandan con almeno 8 anni di esperienza, le chance sono misere. Ma la loro attitudine alla gara mi ha reso fiducioso sul fatto che queste nuove leve avranno un bello sviluppo (certo, c’è tanto tanto tanto tanto tanto tanto lavoro da fare!)

Continuiamo così!

Gambatte

foto